Ma lei dove dorme?

Di Cinzia Siviero

Settembre 2020

“Rivivere il passato può non essere determinato soltanto dalle modificazioni chimiche del cervello, può essere dovuto anche a molte motivazioni, non ultima anche solo quella di rivivere ciò che evidentemente è ancora lì, vivo, intenso, perché non è passato. E quando un comportamento difficile nella demenza è accompagnato da un’emozione, è difficile comprenderlo se lo guardiamo con i nostri occhi. È la visuale della persona che ci permette di sentire…”

Un nuovo libro dal titolo “Ma lei dove dorme?”, che si rivolge ai familiari di anziani confusi e disorientati, è in questo momento in stampa. Un’emozione per noi! Si tratta di un libro in cui vengono riportati ed ampliati i contenuti di alcuni incontri formativi fatti in questi anni a favore della famiglia.

Negli incontri la condivisione delle esperienze di mariti, figli, sorelle ha contribuito a combattere la sensazione dolorosa di isolamento che i familiari stessi spesso vivono. Sentirsi soli rende tutto molto buio, cupo. Al contrario esprimere le proprie emozioni e condividerle è un processo che già di per sé sostiene, incoraggia, quasi da considerarsi l’inizio di un percorso di guarigione.

L’intento che ci ha spinte a scrivere è stato quello di trasmettere, sotto forma di esempi, dibattiti e riflessioni alcuni concetti base dell’atteggiamento validante. Il sincero augurio è che il lettore possa scovare qua e là piccoli suggerimenti, qualche conferma e forse anche indicazioni nuove per prendere sentieri mai percorsi.

C. Siviero, R. D’Alfonso, Ma lei dove dorme? 24 ore accanto all’anziano affetto da demenza Editrice Dapero, Piacenza 2020

Articolo precedente
Caro amico ti scrivo … da una Rsa

Articoli recenti

Menu
X